Casa [cà-sa]

C’erano Hansel e Gretel che inciamparono in una villetta con i muri di marzapane - l’annuncio era più che convincente. I puffi avevano scelto la multiproprietà a cappello di fungo. Stesso immobile diversa visione della vita per l’individualista Brucaliffo del Paese delle Meraviglie: fungo monolocale di cui favorire per esperienze speciali a domicilio. C’è poi il classico co-housing dei Sette Nani (un premio a chi li ricorda tutti e 7): con Biancaneve diventa tutto più facile. "Nessun posto è bello come casa mia", sintetizza Dorothy con il mago di Oz. Certo: due cuori e una capanna. Appartamento, monolocale, loft, stanza, attico, villetta: ce n’è per tutti i gusti e le tasche. La ricerca è un’avventura e poi, eccola, La Casa. Ma non finisce qui! Vuoi mettere il divertimento (e conseguente esaurimento) del trasloco? La soluzione, come spesso accade, è giapponese e ormai la conosciamo: si chiama decluttering o butta-via-che-tanto-non-serve-mammamia-come-ho-fatto-ad-accumulare-tanta-roba. Rimboccarsi le maniche, spostare, sfoltire e cambiare: il trasloco è un fatto mentale e quando arriva arriva, come la primavera!



2017-III-3 - Estratto dalla Newsletter cargomilano.it