Top Chef

Top Chef

Ulteriori informazioni

Codice: Progetto-Top-Chef
Luogo: Milano
Cliente: Cargo in cucina, con 15 cuochi professionisti che si sfidano nel format targato Magnolia
Tipologia di Progetto: Cooking show di sfide culinarie di successo internazionale da settembre 2016
Servizi: Lo studio di Top Chef con i suoi 700 mq si trasforma con la scenografia firmata S. Aldinio, che si ispira a due punti chiave che ci rispecchiano: recupero e autoproduzione.
Anno: 2016

Per info e preventivi contattaci da martedì a domenica 10.30 - 19.30
02 27221332
02 62411032

DESCRIZIONE
Descrizione:

Cargo in cucina, con 15 cuochi professionisti che si sfidano nel format targato Magnolia: cooking show di sfide culinarie di successo internazionale da settembre 2016 in onda su Canale 9.

A sfidarsi trai fornelli non sono cuochi amatoriali ma veri e propri professionisti del gusto: Maria Amalia Anedda, concorrente insieme al fidanzato Jacopo Maria Bracchi (la loro coppia è stata per questo soprannominata “due cuori e una cucina”); Chiara Canzoneri (“piccola ma tosta”); Palmiro Carlini (“il neurogastronomo”); Simone Ciccotti (“La Stella rifiutata”); Filippo Crisci (“L’anima del Sud”); Federico D’Amato (“Il figlio delle stelle”); Ornella De Felice (“La romana schietta”); Micaela Di Cola (“Si mangia anche con gli occhi…”); Matteo Fronduti (“Lo chef di Periferia”) e Masai Kuroda (“La promessa venuta dal Giappone”); Raffaele Liuzzi (“La stella caduta”). Infine: Erica Petroni (“la food trucker gourmet”); Dario Picchiotti (“Lo chef emoziona-popolare”) e Matteo Torretta (“l’importanza di essere il king”).

Forchette stellate anche per la giuria: Annie Féolde (nel 2015 ha valutato i concorrenti di MasterChef 5 Italia nel ventiduesimo episodio); Mauro Colagreco (ha preso parte alla versione francese di Affari di famiglia); Moreno Cedroni (è stato ospite nella prima edizione di MasterChef Italia); Giuliano Baldessari (alla sua prima importante esperienza televisiva su un canale generalista).

Lo studio di Top Chef con i suoi 700 mq si trasforma con la scenografia firmata Susanna Aldinio, che si ispira a due punti chiave che ci rispecchiano: recupero e autoproduzione.